25 lire Turistica 1953

Il francobollo commemorativo da 25 lire della serie Turistica del 1953 fu emesso il 31 dicembre 1953 e restò valido fino al 31 dicembre 1956, per un totale di 3 anni. Se ne tollerò l’uso anche nell’anno successivo.

Tra il 1° agosto 1951 ed il 30 giugno 1960 la tariffa per affrancare una lettera primo porto per l’interno era di 25 lire. L’esemplare sotto riportato fu spedito da Roma il 2 novembre 1956 per Trieste. Il francobollo fu annullato con una targhetta ed un’altra fu apposta sul retro all’arrivo a Trieste il giorno successivo.
cei0712_isolato_primo_porto_censored
cei0712_isolato_primo_porto_retro

L’esemplare sotto riportato fu spedito da Napoli il 28 febbraio 1954 per Benevento; il francobollo riporta l’annullo in partenza dell’avviamento celere.

L’esemplare sotto riportato fu spedito da Monte San Savino il 16 aprile 1954 per Roma, dove giunse il giorno successivo. Il francobollo fu annullato con il frazionario.


Nel periodo in cui era in vigore la tariffa di 25 lire per affrancare una lettera primo porto, i porti successivi al primo erano valorizzati anch’essi a 25 lire. Per questo motivo, una lettera oltre i 15 grammi ed entro i 30 si poteva affrancare con una coppia di francobolli da 25 lire. La lettera secondo porto sotto riportata fu spedita da Treviso il 21 marzo 1954 per Portogruaro, dove giunse il 22 marzo 1954.
cei0712_doppio_porto


Tra il 1° agosto 1951 ed il 30 settembre 1957 la soprattassa per il recapito espresso ammontava a 50 lire e la lettera primo porto da recapitarsi per espresso si affrancava quindi con 75 lire. L’esemplare sotto riportato fu spedito da Napoli (avviamento celere) il 19 marzo 1954 per Cremona, dove giunse il giorno successivo.

Gli altri esemplari sotto riportati furono affrancati sempre con il 25 lire della serie Turistica del 1953, ma la soprattassa per il recapito espresso fu assolta con il 50 lire espresso Democratica (Napoli, 3 marzo 1954 per Torino con arrivo il giorno successivo) e con il 50 lire Italia al Lavoro (Napoli, 22 febbraio 1954 per Lecce con bollo del messaggere Roma Lecce e arrivo il giorno successivo).

Nello stesso periodo la lettera secondo porto espresso si affrancava con 100 lire (2 porti da 25 + 50 lire per espresso). L’esemplare sotto riportato, riportante l’annullo dello scambista di stazione di Rimini, fu spedito il 15 maggio 1954 per Milano, dove arrivò il giorno successivo. Trattasi di uno dei pochi casi noti di espresso doppio porto con annullo di scambista.


A partire dal 1° febbraio 1952 le corrispondenze dirette alla Città del Vaticano si affrancavano come per l’interno. La lettera primo porto per la Città del Vaticano sotto riportata fu spedita il 2 novembre 1954 da Bologna (annullo con targhetta) e giunse a destinazione il giorno successivo.


La cartolina sotto riportata, spedita da Varallo il 31 maggio 1957 per Milano, è una testimonianza di uso nell’anno in cui, pur se il francobollo era scaduto di validità, ne fu tollerato l’uso. All’epoca la tariffa per l’invio di una cartolina era di 20 lire (dal 1° agosto 1951 al 30 settembre 1957), quindi l’oggetto fu affrancato con un eccesso di 5 lire.


©2016-2018 www.gm-storiapostale.it di Giorgio Mastella, alcuni diritti riservati