60 lire Ammissione dell’Italia nell’O.N.U.

Il francobollo commemorativo da 60 lire della serie dedicata all’ammissione dell’Italia nell’Organizzazione delle Nazioni Unite al fu emesso il 29 novembre 1956 e restò valido fino al 31 dicembre 1957, per un totale di un anno ed un mese.

Tra il 1° settembre 1951 ed il 30 giugno 1960 la tariffa per affrancare una lettera primo porto per l’estero era di 60 lire. L’esemplare sotto riportato fu spedito da Catania il 16 gennaio 1958 per la Svizzera. La dicitura “PER VIA AEREA” fu barrata sulla busta, ma non vi sarebbe stata alcuna soprattassa da pagare in quel periodo per gli invii per posta aerea diretti in Europa.


Tra il 1° agosto 1951 ed il 30 settembre 1957 la spedizione di atti giudiziari come manoscritti richiedeva 120 lire per l’affrancatura. La somma era così calcolata:
– manoscritti in busta aperta: 30 lire (1.8.1951-30.9.1957)
– raccomandata aperta dei manoscritti: 25 lire (1.8.1951-30.9.1957)
– diritto ricevuta manoscritti: 10 lire (1.1.1950-31.8.1959)
– avviso ricevimento: 20 lire (10.4.1948-31.8.1959)
– raccomandazione aperta dell’avviso: 25 lire (1.8.1951-30.9.1957)
– diritto ricevuta avviso: 10 lire (1.1.1950-31.8.1959)
L’esemplare sotto riportato fu spedito da Castelfranco Veneto il 6 luglio 1957 per Castagnole. I francobolli presentano carta liscia e in alcuni punti la gomma non fu inumidita e non aderì alla busta: è quindi possibile verificare che la gomma, dove è rimasta integra, presenta le screpolature tipiche della prima tiratura.


Tra 1° agosto 1951 ed il 30 giugno 1960 la lettera primo porto si affrancava con 25 lire ed i porti superiori al primo si affrancavano con ulteriori 25 lire per ogni 15 grammi, mentre tra il 1° agosto 1951 ed il 30 settembre 1957 la soprattassa per la raccomandazione di una corrispondenza chiusa ammontava a 45 lire; fino al 31 agosto 1959 le corrispondenze raccomandate erano gravate anche di un ulteriore diritto per la ricevuta, pari a 10 lire: vi fu quindi un periodo in cui la lettera secondo porto raccomandata si affrancava con 105 lire (25 + 25 + 45 + 10). L’esemplare sotto riportato fu spedito da Catania il 19 febbraio 1957 per Genova, dove giunse il 21 febbraio successivo. Il francobollo è perfettamente aderente alla busta e non vi sono quindi zone in cui poter osservare eventuali rest integri di gomma; la busta presenta una codronatura obliqua che rende difficile l’esame della superficie del francobollo. E’ usato come complemento di affrancatura il 2 lire Italia al Lavoro filigrana stelle.