100 lire Giovanni Boccaccio

Il francobollo da 100 lire della serie dedicata al 6° centenario della morte di Giovanni Boccaccio fu emesso il 22 dicembre 1975 con validità permanente.

Tra il 25 marzo 1975 ed il 31 dicembre 1975 la tariffa per affrancare una lettera primo porto per l’interno era di 100 lire. Fu pertanto possibile utilizzare il francobollo isolato per affrancare la lettera primo porto solo per un periodo di dieci giorni tra l’emissione ed il cambio di tariffa. L’esemplare sotto riportato fu spedito da Roma il 31 dicembre 1975 per la città.

Lettera preparata e spedita dal Perito Filatelico Antonello Cerruti nell’ultimo giorno della tariffa.


Tra il 1° gennaio 1976 ed il 31 ottobre 1976 la tariffa per affrancare una lettera primo porto per l’interno era di 150 lire. L’esemplare sotto riportato fu spedito da Francavilla Fontana il 17 febbraio 1976 per Bologna, dove giunse il 20 febbraio successivo. La lettera viaggiò in difetto di affrancatura, perché il mittente applicò erroneamente la tariffa di 100 lire, che era in vigore prima del cambio tariffario. La differenza tra l’affrancatura di 100 lire e la tariffa in vigore di 150 lire fu raddoppiata ed applicata come tassa.

Negli esemplari sotto riportati il valore da 100 lire fu correttamente integrato con 50 lire.
Ascea, 20 febbraio 1976 per Bologna.
Modena, 20 febbraio 1976 per Bologna:
L’esemplare sotto riportato, spedito da Bologna l’11 febbraio 1976 per Francavilla Fontana, fu rispedito al mittente il 14 febbraio successivo poiché il destinatario risultò sconosciuto.

Nello stesso periodo la soprattassa per la raccomandazione ammontava a 250 lire e pertanto la lettera primo porto raccomandata si affrancava con 400 lire. L’esemplare sotto riportato fu spedito da Campolongo sul Brenta il 31 gennaio 1976 per Vicenza.


Tra il 1° gennaio 1976 ed il 31 ottobre 1976 la tariffa per affrancare una cartolina era di 100 lire. L’esemplare sotto riportato fu spedito da Madonna di Campiglio il 10 febbraio 1976 per Treviso.


©2016-2018 www.gm-storiapostale.it di Giorgio Mastella, alcuni diritti riservati