Cartolina Postale 20 lire Siracusana (scritta lunga)

La cartolina postale da 20 lire della serie Siracusana, nella versione con la scritta “CARTOLINA POSTALE” estesa a tutto il bordo superiore dell’oggetto, fu emessa nel 1953 e restò valida (secondo il Catalogo CEI) fino al 31 dicembre 1956, per un totale di circa 3 anni. Nel Novellario di Franco Filanci, non è invece indicata una data di fine validità. Nella mia raccolta è presente più di un esemplare usato dopo il 1957 e non sottoposto a tassazione, tanto più che non vi furono cambi tariffari fino al 1959.

Tra il 1° agosto 1951 ed il 31 agosto 1959 la tariffa per affrancare una cartolina era di 20 lire.

L’esemplare sotto riportato fu spedito da Torino (Avviamento Celere) il 22 novembre 1954 per Ascoli Piceno, dove giunse il giorno successivo.

L’esemplare sotto riportato fu spedito da Vicenza (annullo celebrativo che, contrariamente alla norma, non mostra alcuna indicazione della località: U.F.V., in ogni modo, è l’Unione Filatelica Vicentina) il 23 gennaio 1955 per Vigevano, dove giunse il giorno successivo.

Nella sottopagina qui linkata ci sono alcuni esempi di cartoline annullate da un ufficio postale ambulante o da un messaggere postale.

Nella sottopagina qui linkata ci sono alcuni esempi di cartoline in cui il francobollo è stato annullato da una targhetta.


Tra il 1° agosto 1951 ed il 31 agosto 1959 la tariffa per affrancare una cartolina per l’interno era di 20 lire; tra il 1° agosto 1951 ed il 30 settembre 1957 la soprattassa per la raccomandazione delle corrispondenze aperte era di 25 lire e tra il 1° gennaio 1950 ed il 31 agosto 1959 le corrispondenze raccomandate erano gravate da un diritto di ricevuta pari a 10 lire. La cartolina raccomandata, pertanto, si affrancava con 55 lire e la cartolina postale da 20 lire richiedeva un’affrancatura supplementare di 35 lire. L’esemplare sotto riportato fu spedito da Napoli il 14 settembre 1957 per la città.