30 lire Italia al Lavoro

Il francobollo da 30 lire della serie Italia al Lavoro fu emesso il 20 ottobre 1950 e restò valido fino al 31 marzo 1958, per un totale di 7 anni e 5 mesi.

Tra il 1° agosto 1951 ed il 30 giugno 1960 la lettera primo porto per l’interno si affrancava con 25 lire, mentre la soprattassa per la raccomandazione di una corrispondenza aperta ammontava anch’essa a 25 lire (fino al 30 settembre 1957). Fino al 31 agosto 1959 le corrispondenze raccomandate erano gravate anche da un ulteriore diritto per la ricevuta, pari a 10 lire. La lettera primo porto raccomandata aperta, pertanto, si affrancava con 60 lire. L’esemplare sotto riportato fu spedito da Napoli il 28 gennaio 1952 per Milano. Sul retro, bollo di transito dell’ambulante Napoli Roma, 29 gennaio 1952.
cei0601_coppia_racc_aperta
cei0601_coppia_racc_aperta_retro

Tra il 1° agosto 1951 ed il 31 agosto 1959 la tariffa per affrancare una cartolina per l’interno era di 20 lire; tra il 1° agosto 1951 ed il 30 settembre 1957 la soprattassa per la raccomandazione delle corrispondenze aperte era di 25 lire e tra il 1° gennaio 1950 ed il 31 agosto 1959 le corrispondenze raccomandate erano gravate da un diritto di ricevuta pari a 10 lire. La cartolina raccomandata, pertanto, si affrancava con 55 lire. L’esempio sotto riportato fu spedito da Avellino il 16 maggio 1953 per Cairano, dove fu timbrato in arrivo col datario due giorni dopo, dallo stesso lato dell’affrancatura.
cei0601_uno25lire_racc_aperta


©2016 www.gm-storiapostale.it di Giorgio Mastella, alcuni diritti riservati