100 lire Michelangiolesca

Il francobollo da 100 lire della serie Michelangiolesca fu emesso il 6 marzo 1961 con validità fino al 31 dicembre 1968; fuori corso dal 1° gennaio al 1° marzo 1969, la serie acquistò quindi validità permanente.

Tra il 1° settembre 1959 ed il 31 luglio 1965 la tariffa per affrancare degli atti giudiziari manoscritti era di 200 lire. La genesi della tariffa è la seguente:
– 55 lire manoscritti (1.10.1957 – 31.7.1965)
– 60 lire raccomandazione aperta (1.9.1959 – 31.7.1965)
– 25 lire avviso di ricevimento (1.9.1959 – 31.7.1965)
– 60 lire raccomandazione aperta (1.9.1959 – 31.7.1965)
L’esemplare sotto riportato fu spedito da Padova il 9 novembre 1962 per Noventa Padovana, dove giunse il giorno stesso.


Tra il 1° agosto 1965 ed il 15 agosto 1967 la tariffa per affrancare le stampe era di 15 lire, mentre la soprattassa per la raccomandazione tra il 1° agosto 1965 ed il 31 dicembre dello stesso anno ammontava a 90 lire. Le stampe raccomandate, in un breve periodo di cinque mesi, si affrancavano pertanto con 105 lire. L’esemplare sotto riportato fu spedito da Palermo il 5 novembre 1965 per la città.


Tra il 16 agosto 1967 ed il 24 marzo 1975 la tariffa per affrancare una lettera tra 20 e 100 grammi era di 100 lire. L’esemplare sotto riportato fu spedito da Milano il 13 dicembre 1967 per la città.

Ttra il 1° gennaio 1966 ed il 24 marzo 1975 la sovrattassa per la raccomandazione ammontava a 130 lire: vi fu quindi un periodo in cui la lettera tra 20 e 100 grammi raccomandata si affrancava con 230 lire. L’esemplare sotto riportato fu spedito da Fucecchio il 20 gennaio 1968 per Civitanova Marche, dove giunse il 22 gennaio successivo.


Si riporta un’ammenda di 100 lire inflitta il 2 dicembre 1966, sulla quale fu apposto ed annullato un esemplare del 100 lire Michelangiolesca.

Altro uso su ammenda, in coppia, a Pescara il 4 settembre 1964:


©2016-2018 www.gm-storiapostale.it di Giorgio Mastella, alcuni diritti riservati