Fattura commerciale aperta

Questa pagina è dedicata a un particolare tipo di oggetto postale per la spedizione di una fattura, composta da un solo foglio che non rechi altre indicazioni. Tale spedizione, nel periodo repubblicano, ha goduto di una tariffa agevolata inferiore a quella della lettera.

 

Tra il 1° febbraio 1946 ed il 24 marzo 1947: 3 lire
Tra il 25 marzo 1947 ed il 31 luglio 1947: 5 lire
Tra il 1° agosto 1947 ed il 10 agosto 1948: 8 lire
Tra l’11 agosto 1948 ed il 30 novembre 1955: 12 lire
Tra il 1° dicembre 1955 ed il 31 luglio 1965: 15 lire
Tra il 1° agosto 1965 ed il 15 agosto 1967: 30 lire
Tra il 16 agosto 1967 ed il 24 marzo 1975: 40 lire
Tra il 25 marzo 1975 ed il 31 dicembre 1975: 80 lire
Tra il 1° gennaio 1976 ed il 31 ottobre 1976: 130 lire
Tra il 1° novembre 1976 ed il 31 dicembre 1980: 160 lire
Tra il 1° gennaio 1981 ed il 30 settembre 1981: 170 lire
Tra il 1° ottobre 1981 ed il 30 settembre 1982: 250 lire
Tra il 1° ottobre 1982 ed il 31 gennaio 1983: 300 lire
Tra il 1° febbraio 1983 ed il 12 novembre 1985: 350 lire
Tra il 13 novembre 1985 ed il 15 novembre 1986:
– 450 lire tariffa piena
– 350 lire per invii nella stessa località di impostazione
Tra il 16 novembre 1986 ed il 29 febbraio 1988:
500 lire tariffa piena
– 400 lire per invii nella stessa località di destinazione
Tra il 1° marzo 1988 ed il 31 dicembre 1989:
– 600 lire tariffa piena
– 450 lire per invii nella stessa località di destinazione
Tra il 1° gennaio 1990 ed l’11 maggio 1997:
– 650 lire tariffa piena
– 450 lire per invii nella stessa località di destinazione
Tra il 12 maggio 1997 ed il 30 giugno 2001:
– 650 lire tariffa piena
– 420 lire per invii nella stessa località di destinazione

A partire dal 1° luglio 2001 le fatture commerciali aperte sono confluite nella voce corriere ordinario o corriere prioritario.


©2016-2018 www.gm-storiapostale.it di Giorgio Mastella, alcuni diritti riservati