Ambulanti 121 – 140

In questa pagina sono raccolte le impronte degli Uffici Postali Ambulanti dal n° 121 al n° 140. Per ogni immagine estratta da oggetti appartenenti alla mia raccolta, ci sono i link al tipo di oggetto ed alla sua affrancatura. Altrimenti, sono citati gli altri Collezionisti che mi hanno cortesemente consentito di pubblicare qui le scansioni del loro materiale.


AMB. ROMA GENOVA 125 SEZ C
16 gennaio 1957:
Pubblicato su www.delcampe.it, per gentile concessione.

AMB. ROMA – ANCONA 127  C
Usato per annullare una Cartolina Postale 20 lire Siracusana (scritta lunga) usata senza integrazioni, 20 settembre 1956:

ROMA – ANCONA 127 SEZ. D
Usato per annullare una Cartolina Postale 20 lire Siracusana (scritta lunga) usata senza integrazioni, 6 gennaio 1957:

AMB. ANCONA ROMA 128 SEZIONE G
Usato come annullo su una cartolina affrancata con il 5 lire Democratica + complementi, 28 aprile 1948

AMB. ANCONA ROMA 128D
Usato per annullare il 10 lire Italia al Lavoro su una cartolina illustrata entro 5 parole, 24 luglio 1953:

AMB. TORINO ROMA 130 SEZ. L
Verso di lettera primo porto espresso affrancata con tre esemplari del 15 lire Democratica + 5 lire Democratica, 27 ottobre 1948:
cei0516_3x155_expr_dett_ambulante

AMB. TORINO ROMA 130 SEZ. M
Verso di lettera terzo porto raccomandata affrancata con tre esemplari del 30 lire Democratica + complementi, 7 aprile 1950:

AMB. ROMA GENOVA 132 B
Usato per annullare il 25 lire Italia al Lavoro su una lettera primo porto, 5 febbraio 1952: cei0600_isolato_ambulante_dettaglio_ambulante

AMB. ROMA GENOVA 132 D
6 agosto 1954:
Pubblicato su www.delcampe.it, per gentile concessione.

AMB. ROMA PESCARA 133 F
Verso di una lettera primo porto espresso affrancata con 3 esemplari del 20 lire Italia al Lavoro + 15 lire stessa serie, 29 settembre 1951:
cei0599_315lire_espresso_retro_dett_amb

AMB. ROMA VENEZIA 139 E
Usato per annullare il 10 lire Italia al Lavoro su una cartolina illustrata entro 5 parole, agosto 1952:

AMB. ROMA VENEZIA 139 H
Usato per annullare il 25 lire Italia al Lavoro su una lettera primo porto, 22 marzo 1952: