Oggetti erroneamente considerati agevolati

Questa sezione delle corrispondenze tassate è dedicata agli oggetti che sono stati affrancati con tariffe inferiori a quella necessaria. La tariffa utilizzata era comunque in vigore durante il periodo tariffario, soltanto che era riservata ad oggetti di altra tipologia o peso o destinazione.


2 lire Democratica usato isolato a Sant’Angelo di Brolo su cartolina fuori distretto, 19 aprile 1946: si applicò erroneamente la tariffa per invii entro il distretto, mentre l’oggetto fu indirizzato dalla Sicilia a Roma.
cei0508_isolato_cart_tassata


10 lire Italia al Lavoro usato a Roma 1° settembre 1952 per la Francia su cartolina illustrata con testo inferiore a cinque parole di convenevoli. Fu erroneamente applicata la convenzione che permetteva di affrancare gli invii per la Francia con tariffa pari a quella per l’interno, che era invece valida solo per lettere e cartoline postali. Le cartoline a tariffa ridotta dirette in Francia si dovevano affrancare per 12 lire (l’equivalente delle stampe) come quelle destinate in tutti gli altri paesi stranieri.
cei0596_isol_francia_tax


25 lire Siracusana fluorescente usato isolato a Frassene il 9 agosto 1973: all’epoca 25 lire era la tariffa per affrancare una cartolina entro cinque parole, ma il testo era più lungo e l’oggetto si doveva affrancare per 40 lire come una normale cartolina a tariffa intera. Le 15 lire mancanti comportarono una tassa pari a 30 lire, ovvero al doppio. Il datario della tassazione meccanica riporta il mese di ottobre, probabile invece che si tratti di agosto.


120 lire Donatori Sangue usato isolato a Marina di Ragusa il 3 maggio 1982: all’epoca 120 lire era la tariffa per le stampe ma la busta viaggiò chiusa. La tariffa per la lettera primo porto era di 300 lire: l’affrancatura era in difetto di 180 lire e fu tassata per il doppio.


©2016-2018 www.gm-storiapostale.it di Giorgio Mastella, alcuni diritti riservati