Segnatasse 20 lire Repubblica

Il segnatasse da 20 lire fu emesso il 1° luglio 1947 ed era ancora valido quando nel 2001 cessarono le emissioni in lire. Fu in uso nei primi anni della Repubblica un altro valore da 10 lire emesso in periodo di Luogotenenza. Esistono vari tipi di filigrane:
– ruota alata del I tipo al momento dell’emissione nel 1947,
– ruota alata del III tipo nel 1954,
– stelle del I tipo nel settembre 1956,
– stelle del II tipo nel 1956,
– stelle del IV tipo nel 1962.


Tra il 1° agosto 1947 ed il 10 agosto 1948 la tariffa per affrancare una lettera primo porto era di 10 lire. L’esemplare sotto riportato, non affrancato e pertanto tassato del doppio della tariffa mancante, fu spedito da San Pietro Vernotico il 7 aprile 1948 per Brindisi, dove giunse il giorno successivo e dove fu applicato ed annullato il segnatasse.


Tra il 10 aprile 1949 ed il 31 luglio 1951 la lettera primo porto per l’interno si affrancava con 20 lire. L’esemplare sotto riportato, a carico del destinatario, fu spedito da Palermo il 13 aprile 1949 per Tortorici, dove giunse il 19 aprile successivo e dove fu tassato.

L’esemplare sotto riportato fu spedito da Prato il 15 maggio 1951 senza affrancatura ma, a differenza dell’oggetto precedente, il mittente non godeva di alcuna agevolazione che permettesse l’invio con tassa a carico del destinatario. L’oggetto non affrancato fu quindi tassato a destinazione a Firenze il giorno successivo per il doppio della tariffa mancante. Filigrana ruota I.

Quando la lettera primo porto si affrancava con 20 lire i porti successivo al primo si affrancavano con ulteriori 20 lire per ogni 15 grammi di peso in più. La lettera secondo porto sotto riportata fu spedita da Bagnoli di Sopra il 18 gennaio 1950 per Padova e fu affrancata con il 20 lire Democratica isolato, come una lettera primo porto. Il giorno successivo, a Padova, fu tassata per il doppio della tariffa mancante.

Tra l’11 agosto 1948 ed il 31 luglio 1951 la soprattassa per la raccomandazione di una corrispondenza aperta ammontava a 20 lire: prima dell’introduzione del diritto di ricevuta (10 lire supplementari, a partire dal 1° gennaio 1950) la lettera primo porto raccomandata aperta si affrancava quindi con 40 lire. L’esemplare sotto riportato, a carico del destinatario, fu spedito da Poggio Berni il 5 ottobre 1949 (datario muto) per Forlì, dove giunse il giorno successivo e dove fu tassato l’8 ottobre successivo.


Tra il 1° ottobre 1957 ed il 31 luglio 1965 la tassa per il fermo posta pagato dal destinatario era di 20 lire: la cartolina fermo posta, da affrancare con 25 lire tra il 1° settembre 1959 ed il 31 luglio 1965, era tassata per 20 lire a destinazione. L’esemplare sotto riportato, una cartolina postale 25 lire Siracusana, fu spedito da Catania nell’agosto 1963 per Lerici, dove fu tassata il 26 agosto 1963 con un segnatasse da 20 lire (filigrana stelle, non riconoscibile).