Lettera raccomandata tra 1.1.1950 e 31.7.1951

Fino al 31 dicembre 1949 una lettera  per l’interno primo porto raccomandata chiusa si affrancava con 55 lire. A partire dal 1° gennaio 1950 restarono invariate sia la tariffa della lettera sia la soprattassa della raccomandata; fu però introdotto il diritto di ricevuta per le corrispondenza registrate, pari a 10 lire, e pertanto la tariffa totale aumentò a 65 lire.


55 lire UNESCO + 10 lire Democratica – Roma, 30 maggio 1950:
cei0576_uno10lire_racc

50 lire Democratica + 15 lire – Como, 31 maggio 1950:
cei0520_15_raccomandata

55 lire Anno Santo + 10 lire Democratica arancio – La Spezia, 5 giugno 1950:

6 esemplari del 10 lire Democratica arancio + 2 esemplari del 3 lire usati come segnatasse su oggetto con tassa a carico (affrancatura in eccesso di una lira)- Potenza, 27 giugno 1950:
cei0515_6_come_tasse_frontecei0515_6_come-tasse_retro

50 lire Democratica + 10 lire e 5 lire stessa serie – Annullo frazionario di Acqui Terme, 24 luglio 1950:

65 lire Italia al Lavoro isolato – Varese, 11 dicembre 1950:

65 lire Italia al Lavoro isolato – Lanciano, 2 febbraio 1951:
cei0607_isolato_racc_lanciano

65 lire Italia al Lavoro isolato – Trento, 20 marzo 1951:
cei0607_isolato_racc_trento

Coppia del 25 lire Democratica + 15 lire – Genova Nervi, 30 giugno 1951:
cei0518_coppia15_racc_fronte


A partire dal 1° agosto 1951 la lettera per l’interno primo porto raccomandata chiusa aumentò a 80 lire.


©2016-2018 www.gm-storiapostale.it di Giorgio Mastella, alcuni diritti riservati