Cartolina Postale 20 lire Siracusana (scritta lunga)

La cartolina postale da 20 lire della serie Siracusana, nella versione con la scritta “CARTOLINA POSTALE” estesa a tutto il bordo superiore dell’oggetto, fu emessa nel 1953. Differisce dalla precedente edizione, su cui la dicitura CARTOLINA POSTALE era impressa sulla parte destra.


USI PER L’INTERNO ENTRO IL 31 AGOSTO 1959 (tariffa cartolina 20 lire)

Tra il 1° agosto 1951 ed il 31 agosto 1959 la tariffa per affrancare una cartolina era di 20 lire. L’esemplare sotto riportato fu spedito da Torino (Avviamento Celere) il 22 novembre 1954 per Ascoli Piceno, dove giunse il giorno successivo.

L’esemplare sotto riportato fu spedito da Vicenza (annullo celebrativo che, contrariamente alla norma, non mostra alcuna indicazione della località: U.F.V., in ogni modo, è l’Unione Filatelica Vicentina) il 23 gennaio 1955 per Vigevano, dove giunse il giorno successivo.

L’esemplare sotto riportato fu spedito dalla Fiera di Milano il 16 aprile 1959 per la città. L’annullo è classificato sia tra i bolli speciali sia tra i bolli in uso negli uffici delle fiere.

L’esemplare sotto riportato, spedito da Chieti il 26 agosto 1955 per Lanciano fu sottoposto a censura perché spedito da un carcerato del penitenziario.

Idem come sopra, da Vasto il 14 settembre 1956 per Lanciano.

Nella sottopagina qui linkata ci sono alcuni esempi di cartoline annullate da un ufficio postale ambulante o da un messaggere postale.

Nella sottopagina qui linkata ci sono alcuni esempi di cartoline annullate con un bollo a targhetta.

L’esemplare sotto riportato, nella versione con risposta pagata, fu spedito da Milano il 29 maggio 1956 per Firenze.

L’esemplare sotto riportato, nella versione risposta, fu spedito da Napoli (annullo con targhetta) il 13 luglio 1957 per Roma.


USI PER L’INTERNO CON SERVIZI ACCESSORI ENTRO IL 30 SETTEMBRE 1957
(20 lire cartolina, 50 lire recapito espresso, 25+10 lire raccomandazione)

Tra il 1° agosto 1951 ed il 30 settembre 1957 la soprattassa per il recapito espresso ammontava a 50 lire: vi fu quindi un periodo in cui la cartolina espresso si affrancava con 70 lire. L’esemplare sotto riportato, nella versione con risposta pagata e integrato con il 50 lire espresso Democratica, fu spedito da Riccione Marina il 28 agosto 1957 per Pescara. Espresso stelle tipo II.

Era possibile che la soprattassa espresso fosse assolta con una coppia di francobolli commemorativi da 25 lire. L’esemplare sotto riportato, integrato con due esemplari del 25 lire Marco Polo, fu spedito da Brescia il 22 agosto 1954 per Rapallo, con arrivo il giorno successivo.

L’esemplare sotto riportato, integrato con una coppia del 25 lire Europa 1956, fu spedito da Venezia il 15 marzo 1957 per Padova.

L’esemplare sotto riportato, integrato con una coppia del 25 lire Ovidio, fu spedito da Bologna il 28 giugno 1957 per Firenze.

Tra il 1° agosto 1951 ed il 30 settembre 1957 la soprattassa per la raccomandazione delle corrispondenze aperte era di 25 lire e tra il 1° gennaio 1950 ed il 31 agosto 1959 le corrispondenze raccomandate erano gravate da un diritto di ricevuta pari a 10 lire: vi fu quindi un periodo in cui la cartolina raccomandata si affrancava con 20 + 25 + 10 = 55 lire. La cartolina postale da 20 lire richiedeva quindi un’integrazione di  35 lire. L’esemplare sotto riportato fu spedito da Napoli il 14 settembre 1957 per la città.

L’esemplare sotto riportato, integrato con sette esemplari del 5 lire Siracusana, fu spedito da Barletta il 1° ottobre 1956 per Bari. Si nota come la stampa della cartolina sia molto inchiostrata, quasi da far pensare ad una doppia stampa (visibile soprattutto al centro della scritta in alto, tra la fine di cartoliNA e l’inizio di POstale).

L’esemplare sotto riportato fu spedito da Pescara il 1° marzo 1955 per Chieti e l’affrancatura fu integrata con il 35 lire Turistica 1953, l’unico francobollo commemorativo da 35 lire dell’epoca.

Sempre tra il 1° agosto 1951 ed il 30 settembre 1957, in base alle tariffe dei servizi accessori sopra riportati, la cartolina raccomandata da recapitarsi per espresso si affrancava con 105 lire. L’esemplare sotto riportato, integrato con il 50 lire Espresso Democratica per la soprattassa espresso e con il 35 lire Turistica 1953 per la soprattassa di raccomandazione aperta, fu spedito da Campofiorito l’11 dicembre 1954 per Palermo, dove giunse il 13 dicembre successivo.

L’esemplare sotto riportato, nella versione RISPOSTA, fu spedito raccomandato da Salemi il 21 luglio 1955 per Seregno, dove giunse il 23 luglio successivo.

E’ frequente trovare esempi di francobolli commemorativi da 25 lire usati assieme ad ulteriori 10 lire per assolvere la soprattassa di raccomandazione pari a 35 lire.
25 lire Marco Polo + 10 lire Siracusana – Patù, 22 settembre 1954:

25 lire Interpol + 10 lire Siracusana – Marsala, 30 ottobre 1954:

25 lire Imposta sui Redditi 1955 + 10 lire Siracusana – Bivona, 24 marzo 1955:

25 lire Congresso Mondiale del Petrolio + coppia del 5 lire Siracusana – Napoli, 11 giugno 1955:

25 lire Europa 1956 + 10 lire Siracusana – Gravina di Puglia, 24 settembre 1956:

25 lire Antonio Rosmini + 2 x 5 lire Siracusana – Napoli, 7 dicembre 1956:

25 lire Ovidio + 10 lire Siracusana – Salerno, 27 giugno 1957:

Esiste anche l’integrazione con l’unico commemorativa da 20 lire emesso all’epoca. 20 lire Turistica 1953 integrato con 3 x 5 lire Siracusana da Palermo, 31 gennaio 1955, per la città.


USI PER L’INTERNO CON SERVIZI ACCESSORI TRA IL 1° OTTOBRE 1957 ED IL 31 AGOSTO 1959
(20 lire cartolina, 75 lire recapito espresso, 50+10 lire raccomandazione)

Tra il 1° ottobre 1957 ed il 31 agosto 1965 la soprattassa per il recapito espresso ammontava a 75 lire: vi fu quindi un periodo in cui la cartolina espresso si affrancava con 95 lire. L’esemplare sotto riportato fu spedito da Ascoli Piceno il 10 ottobre 1957 per Sassuolo, dove giunse il giorno successivo. Non essendo ancora emesso il valore da 75 lire per l’espresso, si utilizzò il 50 lire espresso Democratica (anche con lo scopo di smaltirne le scorte) integrato con il 25 lire Siracusana.

L’esemplare sotto riportato, in cui fu usato il 25 lire Educazione Stradale per integrare la soprattassa per espresso, fu spedito da Ferrara il 27 gennaio 1957 per Bologna, dove giunse il giorno stesso.

L’esemplare sotto riportato, in cui fu usato il 25 lire Flumendosa per integrare la soprattassa per espresso, fu spedito da Padova il 25 febbraio 1958 per Bologna, dove giunse il giorno successivo. Il 50 lire espresso Democratica fu usato poche settimane prima della scadenza della validità del 31 marzo 1958.

L’esemplare sotto riportato viaggiò quando era già a disposizione il valore da 75 lire espresso Cavalli Alati: spedito da Vasto il 25 maggio 1959, giunse a Roma il giorno successivo.

L’esemplare sotto riportato, in cui la soprattassa espresso fu assolta con tre esemplari del 25 lire Giosuè Carducci, fu spedita da Lodi il 27 ottobre 1957 per Sanremo, dove giunse il giorno successivo.

Tra il 1° ottobre 1957 ed il 31 agosto 1959 la soprattassa per la raccomandazione delle corrispondenze chiuse ammontava a 50 lire e tra il 1° gennaio 1950 ed il 31 agosto 1959 le corrispondenze raccomandate erano gravate anche da ulteriori 10 lire pari al diritto di ricevuta: vi fu quindi un periodo in cui la cartolina raccomandata si affrancava con 80 lire. L’esemplare sotto riportato, integrato con una coppia del 25 lire Educazione stradale, fu spedito da Fermo il 10 gennaio 1958 per la medesima località.

L’esemplare sotto riportato, integrato con una coppia del 25 lire Ovidio e col 10 lire Siracusana, fu spedito da Torino il 5 marzo 1958 per Roma.

L’esemplare sotto riportato, integrato con una coppia del 25 lire Evangelista Torricelli e col 10 lire Siracusana, fu spedito da Manduria il 21 ottobre 1958 per Taranto, dove giunse il giorno stesso.

L’esemplare sotto riportato, integrato con il 60 lire Europa 1958, fu spedito da Reggio Calabria nel dicembre 1958 per la città.

L’esemplare sotto riportato, anch’esso integrato con il 60 lire Europa 1958, fu spedito da Lecce il 27 aprile 1959 per Presicce, dove giunse il giorno successivo; appurato che il destinatario era sconosciuto, l’oggetto ritornò a Lecce il 28 aprile stesso.

L’esemplare sotto riportato, integrato con due esemplari del 25 lire Gemellaggio Roma Parigi, fu spedito da Gela l’11 maggio 1959 per la medesima località.

L’esemplare sotto riportato, integrato con tre esemplari del 20 lire Siracusana stelle, è una cartolina nella versione CON RISPOSTA PAGATA. Fu spedita da Catanzaro il 4 agosto 1958 per la città.

Considerato quanto sopra, vi fu un periodo in cui la cartolina raccomandata espresso si affrancava con 20 + 75 + 50 + 10 lire, pari a 155 lire. L’esemplare sotto riportato fu spedito da Messina il 17 febbraio 1959 per Torino, dove giunse il 19 febbraio successivo. Tra le integrazioni di affrancatura per i servizi accessori, è presente il 25 lire Europa 1958.


Usi per l’interno tra il 1° settembre 1959 e 31 luglio 1965 (tariffa cartolina 25 lire)

Tra il 1° settembre 1959 ed il 31 luglio 1965 la tariffa per affrancare una cartolina era di 25 lire. L’esemplare sotto riportato, spedito da Roma (annullo con targhetta) il 9 settembre 1959 per Milano (pochi giorni dopo il cambio di tariffa), fu erroneamente affrancato con la tariffa precedente e quindi tassato per 10 lire, pari al doppio delle 5 lire mancanti.

L’esemplare sotto riportato, diretto a Foligno, fu annullato dal messaggere Umbertide Terni il 4 febbraio 1960.

L’esemplare sotto riportato, spedito il 15 settembre 1959, fu annullato con il datario muto di Civitaluparella e giunse il giorno stesso a destinazione a Lanciano.

Tra il 1° ottobre 1957 ed il 31 luglio 1965 la soprattassa per il recapito espresso ammontava a 75 lire: vi fu quindi un periodo in cui la cartolina da recapitarsi per espresso si affrancava con 100 lire. L’esemplare sotto riportato, nella versione con risposta pagata, fu spedito da Vicenza il 7 gennaio 1964 per la città.

L’esemplare sotto riportato fu spedito da Reggio Calabria il 23 febbraio 1960 per Palermo, dove giunse il giorno successivo.

Nello stesso periodo la soprattassa per la raccomandazione delle corrispondenze aperte ammontava a 60 lire: la cartolina raccomandata si affrancava quindi con 85 lire. L’esemplare sotto riportato fu spedito da Paola il 12 settembre 1959 per San Fili, dove giunse il 14 settembre successivo.

L’esemplare sotto riportato, integrato anche con il 60 lire Francobolli delle Romagne, fu spedito da Mutignano il 24 settembre 1959 per Pineto, dove giunse il giorno successivo.

L’esemplare sotto riportato, integrato anche con il 60 lire Anniversario della Vittoria fu spedito da Napoli il 14 novembre 1959 per la città.

L’esemplare sotto riportato, integrato anche con il con 60 lire Organizzazione Internazionale del Lavoro dentellato 13¼, fu spedito da Amandola il 19 gennaio 1960 per Ascoli Piceno, dove giunse il giorno successivo.

L’esemplare sotto riportato, integrato anche con il 60 lire Europa 1959, fu spedito da Bari il 3 marzo 1960 per la città.

L’esemplare sotto riportato, nella versione con risposta pagata, integrato anche con il 60 lire Preolimpica, fu spedito da Molfetta il 22 ottobre 1959 per Bari, dove giunse il giorno stesso.


Usi per l’interno tra il 1° gennaio ed il 31 dicembre 1976 (tariffa cartolina 100 lire)

Tra il 1° gennaio 1976 ed il 31 ottobre 1976 la tariffa per affrancare una cartolina era di 100 lire mentre nello stesso periodo la soprattassa per la raccomandazione ammontava a 250 lire: la cartolina raccomandata si affrancava quindi con 350 lire. L’esemplare sotto riportato fu spedito da Genova il 30 ottobre 1976 per la città.


USI PER L’ESTERO ENTRO IL 30 GIUGNO 1960 (tariffa cartolina 35 lire)

Tra il 1° gennaio 1950 ed il 30 giugno 1960 la tariffa per affrancare una cartolina per l’estero era di 35 lire. La cartolina postale da 20 lire richiedeva un’integrazione di 15 lire. L’esemplare sotto riportato fu spedito da Bergamo il 6 aprile 1955 per la Germania Occidentale.

L’esemplare sotto riportato fu spedito da Trieste (annullo con targhetta) il 3 ottobre 1955 per la Germania Occidentale:

L’esemplare sotto riportato fu spedito da Merano (annullo con targhetta) il 10 gennaio 1959 per la Germania Occidentale.

L’esemplare sotto riportato fu spedito da Campobasso il 21 marzo 1960 per la Germania Orientale.

Tra il 1° settembre 1951 ed il 30 settembre 1957 la soprattassa per il recapito espresso per la corrispondenza diretta all’estero ammontava a 85 lire: la cartolina espresso per l’estero si affrancava dunque con 120 lire. L’esemplare sotto riportato fu spedito da Ortisei il 15 luglio 1955 per l’Austria, dove giunse il giorno successivo. L’affrancatura fu integrata con una coppia di 50 lire espresso Democratica filigrana ruota III tipo.